blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

Isola dei Famosi: qualche riflessione in attesa della nuova edizione del reality targato Simona Ventura

Elena Redaelli avatar Mercoledì 2 Dicembre 2009, 16:11 in Curiosità, Gossip, Inchieste, Personaggi, Reality, Television, Trash Tv di Elena Redaelli

Isola dei Famosi: qualche riflessione in attesa della nuova edizione del reality targato Simona Ventura. L’Isola dei Famosi, alla ormai sua settima edizione su Rai2, costituisce una trasposizione Vip del format Survivor, andato in onda con scarso successo nel 2001, su Italia 1.

Isolapersonaggi E’ un caso di reality Tv: in questo programma confluiscono immagini di real tv, nel momento in cui si assiste alle vicende dei 12 naufraghi (6 uomini e 6 donne, personaggi dello spettacolo più o meno famosi), e situazioni di reality show quando invece si segue la puntata settimanale in stile talk show, condotta da Simona Ventura.

La serata, in prime time, ha un andamento simile a quella del giovedì di Grande Fratello: in studio sono ospiti i concorrenti costretti ad abbandonare l’isola (il reality è ambientato in un’isola della Repubblica Domenicana) per decisione del pubblico, oltre a parenti e amici di quelli ancora in gioco.

A differenza del Grande Fratello, in studio sono presenti anche degli opinionisti, e, più del Gf, l’Isola dei famosi si basa sulla competizione a premi. Scopo del gioco è sopravvivere per 50 giorni con mezzi e risorse scarsi, procacciandosi il cibo autonomamente e assicurandosi quello extra vincendo le diverse sfide a cui il gruppo era sottoposto.

Il vincitore finale è decretato con il meccanismo del televoto, così come, di settimana in settimana, gli eliminati, che finiscono in nominations per votazione dei compagni e del leader di turno del gruppo (votazione che avviene non in un confessionale, ma nella cueva). Rispetto alla prima edizione, nella seconda è stata introdotta una novità: l’ultima spiaggia, chance data all’eliminato di turno, che veniva trasferito, solo nel momento in cui dava il proprio assenso e alla completa insaputa dei compagni, in un’altra parte dell’isola. Il naufrago restava così in gara per il premio finale e, quando all’ultima spiaggia giungeva l’eliminato della settimana successiva, il pubblico decretava con il televoto chi dei due doveva restare ancora in gioco.

DINAMICHE FRA GENERI: la formula dell’Isola dei famosi contiene innesti di generi differenti. Nel dettaglio: l’informazione (ritrovabile, all’interno del programma, nei collegamenti in diretta ed esemplificata nella figura del giornalista Massimo Caputi, spesso inviato speciale presso l’isola), il talk show (il confronto tra eliminati, diretto dalla conduttrice-moderatrice Simona Ventura, su un tema o un evento specifico), la fiction (di cui il reality propone la scansione narrativa entro cui è inquadrata la ricostruzione di storie personali coronate da un lieto fine, fra tutte, ad esempio, la storia d’amore da dee-jay Francesco e Aida Yespica), il varietà (di cui è mimato il meccanismo di collegare o contrapporre momenti diversi della trasmissione), il game show (prove e giochi sostenuti dai concorrenti per ottenere ulteriore cibo oltre a quello procacciatosi autonomamente), e la Tv-verità (l’attribuzione allo spettatore di un ruolo attivo. Infatti quest’ultimo decreta chi eliminare tra i concorrenti in nominations, a quale dare l’opportunità dell’ultima spiaggia e chi sarà il vincitore finale tra i superstiti).

SPAZIALIZZAZIONE: lo spazio dell’Isola dei Famosi si divide in due ambienti principali, quello dell’isola, in cui si svolge il gioco della sopravvivenza, e quello dello studio, in cui il gioco viene commentato. Il primo è lo spazio in cui si svolge il racconto, ambientato fra le due spiagge, il campo dei naufraghi, il mare e le radure dove avvengono le sfide. Tale spazio è rappresentato, secondo immagini stereotipate, sia come l’ambiente naturale vergine, sia come luogo inospitale pieno d’insidie. In questo caso lo spazio diventa attore stesso del racconto, un elemento che si frappone tra i soggetti e il loro oggetto di valore. Lo spazio dell’isola figurativizza insomma un altrove, rispetto al qui e ora dello studio, altrove che si rende concreto nel maxi-schermo alle spalle della conduttrice, soglia tra uno spazio e l’altro. Lo studio è dunque lo spazio dell’enunciazione e della rappresentazione, lo schermo, invece, la soglia che proietta sull’enunciato. Paradossalmente, assurge a una sorta di finestra sul mondo, che è poi la metafora su cui si costruisce.

TEMPORALIZZAZIONE: a differenza di ciò che accade all’interno della Casa del Grande Fratello, la quotidianità degli abitanti dell’Isola non costituisce un flusso (i concorrenti di giorno sono ripresi per diverse ore dagli operatori, di notte da poche telecamere fisse, perciò è possibile sfuggire alle inquadrature). Le puntate quotidiane danno comunque impressione di poter controllare l’evento. Non vi è, dunque, la messa in onda di tempi morti: i filmati sono rigorosamente selezionati e tagliati.

PUNTO DI VISTA: l’osservatore che guida il telespettatore non è scorto da quest’ultimo, ma ne seleziona e limita la visione, che coincide dunque con l’entità produzione, specie negli highlights.

NB Materiale con copyright tratto dalla tesi di laurea di Elena Redaelli, dal titolo Il circuito informativo tra telegiornale e reality show

Sull'argomento leggete anche:

L'Isola è delle donne: Lory Del Santo subito

Il secondo divorzio di Simona Ventura: l'addio all'agente Lele Mora

10
10 commenti
10
08 Lug 2006
alle 19:09

Elena

Grazie Alex ;)!

9
07 Lug 2006
alle 16:14

Alex

La famosa dieta sbilanciata. Per me mangiamo molto male visto come si riducono ( la David era ossa e silicone; la Santarelli uno stecchetto).

8
07 Lug 2006
alle 09:50

ALICE

cara brio sii meno saccente in primis! CMQ MANGIANO HO UN AMICO OPERATORE SKY CHE E' ANDATO MANGIANO!

7
06 Lug 2006
alle 23:52

Alex

Complimenti Elena. Bell'analisi e credo che sia una tesi interessante da fare e da leggere ( soprattutto per chi è appassionato di reality) :)

6
06 Lug 2006
alle 20:37

andrea

beh di certo nn mangiano al ristorante..ma di sicuro non muoiono di fame..forse hanno addirittura un dietologo alle spalle che ne cura il dimagrimento..

5
06 Lug 2006
alle 14:56

Brio

eh certo che ci sono i cameraman. le telecamere mica si possono muovere da sole.. O_o
ogni essere umano dotato di cervello ci arriva

ma poi non è vero che mangiano eccome. se mangiassero, chili non ne perderebbero, invece su quell'isola diventano tutti degli scheletrini

4
06 Lug 2006
alle 10:46

¤FP¤

Infatti è proprio per quello che ti ho riportato la notizia! E' pazzesca!

3
06 Lug 2006
alle 10:39

Elena

Ciao ragazze!

Sto scrivendo dai posti più impensati, ho il portatile a riparare, scusate la poca interattività.

Vale, Simona Ventura mi è un po' scaduta quando ha rifiutato una foto insieme a una mia amica guardandola con aria di sufficienza. Per quanto riguarda la Aegis Media, Simona non voleva mica ritirarsi dalla Tv tra al massimo un anno?

Alice, verissimo!
Ma questo nella tesi non potevo scriverlo ;)))

2
05 Lug 2006
alle 21:27

ALICE

hai dimenticato di dire che tutto e' artificiale! che i naufraghi mangiano eccome,che non sono soli ma con decine di operatori con la telecamera in mano che li filmano a distanza ravvicinata... diciamolo questo,giusto per chi crede ancora nei reality!

1
05 Lug 2006
alle 17:34

¤FP¤

Ciao Ele! Ho letto che la Ventura, dopo il divorzio da Mora, si è affidata alla Aegis Media (una holding internazionale, quotata in borsa) per valorizzare la sua immagine. Si comporta come se il suo nome (e lei stessa in generale) fosse una marca di cioccolatini o di scarpe e non una persona (infatti si parla del fatto che "il gruppo curerà il brand della conduttrice in rapporto a pubblico, sponsor e opinion maker")! Detto tra di noi: sinceramente mi fa un po' schifo!

Lascia il tuo commento

Accedi con Facebook Esci da Facebook

Attendere la pubblicazione del commento

Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi in tempo reale tutti i post pubblicati dal blogger!

Post in evidenza su Blogosfere